Tuo IP: 54.205.205.47  
Cerca nel sito:
Home Ansi C ASP HTML Java JavaScript Visual Basic C++ JSP VB.Net
Altri linguaggi
* AppleScript
* Assembler MIPS
* Fortran
* Lisp
* Pascal
* Perl
* Python
* SQL
* VBScript
* VBA

Servizi
* Tips
* Tools
* Webmasters
* Domini e Posta

Articoli tecnici
* Oracle Sequence
* Java Servlet
* Compressione File
* Le Socket di Berkeley
* Immagini x PC
* Errori di Email
* Flash del BIOS
* No Banner
* Codici a barre
* Codici Colori
* Estensione domini
* Connessione ODBC
* Tabella Codici ASCII
* Tabella ISO-8859-1
Altro su Tips
Avviare una Servlet Java

Prerequisiti: Web Server Apache Jakarta Tomcat e conoscenze Java di livello intermedio.

Una servlet è una classe Java. Affinchè diventi una servlet essa deve implementare l'interfaccia Servlet oppure estendere la classe che implementa l'interfaccia Servlet. Qui vogliamo semplicemente avviare i nostri motori e la nostra creatività utilizzando le JSP. Quindi, si parte da zero. Il nostro esempio, di cui possibile scaricare il contenuto completo da qui, vuole visualizzare una servlet con il simpatico messaggio "Questa è una prova!", invece del blasonato "Hello World" oppure "Ciao Mondo" (lascio al lettore come esercizio il compito di cambiare il testo).

Nella cartella "C:\Programmi\Apache Software Foundation\Tomcat 6.0\webapps" sono presenti tutte le nostre applicazioni ed è proprio qui che creeremo la nostra cartella chiamata "servlet_esempio".

All'interno creiamo subito una cartella chiamata "WEB-INF" e "WEB-INF\classes". Attenzione ai caratteri maiuscoli/minuscoli perchè qui è tutto case-sensitive (in realtà sarebbe meglio abituarsi a gestire le maiuscole e le minuscole, anche nei sistemi dove non incide, sai com'è, certe aziende cambiano idea dalla sera alla mattina :-)).

Passo 1. All'interno della nostra cartella servlet_esempio, creiamo un file index.html con il seguente codice:

<!-- CODICE DI ESEMPIO DEL FILE index.html --> 
<html>
    <head>
        <title>Esempio di Servlet</title>
    </head>
    <body>
        <a href="servlet/Esempio">Clicca qui!</a>
    </body>
</html>    
    
<!-- FINE CODICE DI ESEMPIO DEL FILE index.html -->

Passo 2. All'interno della cartella WEB-INF creiamo un file chiamato web.xml con il seguente codice:

<!-- CODICE DI ESEMPIO DEL FILE web.xml --> 
<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?>
<web-app xmlns="http://java.sun.com/xml/ns/javaee"
    xmlns:xsi="http://www.w3.org/2001/XMLSchema-instance"
    xsi:schemaLocation="http://java.sun.com/xml/ns/javaee 
    http://java.sun.com/xml/ns/javaee/web-app_2_5.xsd"
    version="2.5">

    <display-name>Benvenuto in Servlet</display-name>     
    <description>Questo è un esempio di Servlet</description>
            
    <servlet> 
        <servlet-name>Esempio</servlet-name> 
        <servlet-class>Esempio</servlet-class> 
    </servlet> 
    <servlet-mapping>
        <servlet-name>Esempio</servlet-name>
        <url-pattern>/servlet/Esempio</url-pattern>
    </servlet-mapping>
</web-app>
<!-- FINE CODICE DI ESEMPIO DEL FILE web.xml --> 

Questo file ha la sua importanza perchè senza di esso la Servlet non parte. Tralasciamo l'ovvio significato di display-name e description concentrandoci sui tag servlet e servlet-mapping.  Riporto la struttura di seguito per meglio spiegarne i significati:

<servlet>
<servlet-name> Nome della servlet. Quello che hai scritto nel tuo file in Java alla voce in rosso: public class Esempio extends HttpServlet </servlet-name>
<servlet-class> Qui scrivi la stessa cosa se la tua classe non fa parte di un package. Invece, se la tua classe fa parte di un package, allora scriverai nomepackage.nomeclasse. Ovvero, se la classe Esempio è in un package di nome mypack, allora scriverai mypack.Esempio. </servlet-class>
</servlet>

<servlet-mapping>
<servlet-name> Come sopra, qui scrivi SOLO il nome della classe, senza scrivere il package, anche se la classe ne fa parte. </servlet-name>
<url-pattern> Qui scriviamo il nome della classe aggiungendo il suffisso /servlet/, seguito dal nome della classe, Esempio nel nostro caso. </url-pattern>
</servlet-mapping>

Passo 3. Copiare il file Esempio.class nella cartella WEB-INF\classes.

Di seguito il codice del file Esempio.java da compilare con un javac Esempio.java a riga di comando.

/* CODICE DEL FILE Esempio.java */ import java.io.*;
import javax.servlet.*;
import javax.servlet.http.*;
 
public class Esempio extends HttpServlet {

    static final long serialVersionUID = 33;
	 
    public void doGet(HttpServletRequest request,
                      HttpServletResponse response)
        throws IOException, ServletException
    {
        response.setContentType("text/html");
        PrintWriter out = response.getWriter();

        out.println("<html>");
        out.println("<head>");
        out.println("<title>Io sono un titolo!</title>");
        out.println("</head>");
        out.println("<body bgcolor=\"white\">");
        out.println("<h1>Questa è una prova!</h1>");
        out.println("</body>");
        out.println("</html>");
    }
}
/* FINE CODICE DEL FILE Esempio.java */ 

Passo 4. Avviare il sito di prova.

Digitando il percorso http://localhost/servlet_esempio nel browser, si avvierà il sito con la pagina iniziale index.html. Cliccando sul link dovrà apparire il testo

Questa è una prova!

Tutto qui! Se hai difficoltà, scarica da qui il codice sorgente e la classe Esempio.class compilata. Copia tutto nella cartella webapps e avvia dal link proposto. Stampa quest'articolo

 

 


Guide
PDF
* Hardware
* Guida all'MS DOS
* Storia di Internet
* Usabilità siti Web
* Programmazione Linux (6.852 KB)
* Scripting Shell Bash
* Ansi C
* Java 2

Ordinamenti
* Bubble Sort
* Insertion Sort
* Merge Sort
* Quick Sort
* Selection Sort
* Shell Sort
(La visualizzazione degli esempi richiede Virtual Java Machine)



Miscellanea
* Download
* Conversioni misure
* Glossario
* Siti lavoro

Chi c'è online
In questo momento ci sono 19 Visitatori