Ovunque ci si trovi, basta sollevare lo sguardo per ammirare uno dei più affascinanti spettacoli che Madre Natura possa offrire. Non per nulla, la volta celeste appare come una dolce e delicata coperta che ci avvolge e ci protegge.
Nell’osservare questo incredibile spettacolo, inoltre, si può comprendere quanto sia infinitesima la nostra presenza al cospetto dell’Universo. In relazione a ciò, poi, si può ancor di più intendere e apprezzare l’Astronomia e i tanti misteri dell’Universo.
Infatti, di fronte ad una così vasta immensità che sfugge, per molti versi, alla umana comprensione, non si può, di certo, restare che basiti e di quanto siamo ancora così poco conoscitori di questa immensità. Indubbiamente, proprio grazie all’Astronomia, l’essere umano ha potuto iniziare a comprendere un qualcosa di più sul cosmo.
Tuttavia, ad oggi, sono ancora infinite le domande a cui tendono dare una risposta i tanti astronomi che dedicano la loro vita alla scoperta dell’Universo. Fin dalla sua comparsa, l’essere umano si è trovato ad interagire con fenomeni che erano per lui incomprensibili.
Ma, se quello che lo circondava era fonte di ispirazione, l’osservazione della volta celeste era un qualcosa che sfuggiva totalmente alla sua reale comprensione.
Però, dato che l’umanità è dotata di una incredibile curiosità, nel tempo ha cercato di comprendere il senso tanto forte quanto drammatico di quanto accadeva davanti ai suoi occhi.

L’Astronomia: un viaggio infinito

I misteri del nostro Universo trovano nello studio dell’Astronomia le chiavi di accesso per compiere un viaggio, a dir poco, infinito. Non a caso, da sempre, in tutto il mondo, dapprima i siti naturali e quelli che sono diventati siti storici e, successivamente, importanti strutture scientifiche sono dedicati all’Astronomia.
Luoghi “magici” che sono diventati punti privilegiati per osservare il cosmo.
L’Astronomia consente, quindi, di effettuare un viaggio attraverso il Tempo e lo Spazio, al fine di dare risposte alle grandi domande che ci poniamo sull’Universo.
I buchi neri, la natura del cosmo, il big bang fino ad arrivare all’eventuale presenza di vita extraterrestre, sono solo una parte dei tanti grandi segreti che ancora il nostro cosmo propone.

Ma cos’è l’Astronomia

In maniera sintetica si potrebbe definire l’Astronomia come la Scienza che si occupa dell’osservazione delle stelle, quella materia, tramite la quale, gli astronomi cercano di fornire spiegazioni alle origini stesse del cosmo e a tutti gli avvenimenti che lo contraddistinguono.
Ma, l’Astronomia non è solamente l’origine, le evoluzioni, lo studio delle proprietà fisiche e chimiche del cosmo.
Con millenni di storia alle sue spalle, lo studio degli astri è molto di più. Poche materie sono in grado di unire aspetti prettamente scientifici a pratiche e funzioni che storicamente hanno interessato campi quali Filosofia e Religione. Anche per le sue infinite applicazioni che partono dal mondo preistorico, oggi l’Astronomia vede sempre più un coinvolgimento di semplici appassionati astrofili.
D’altronde, non ci si può dimenticare che l’Astronomia è considerata come la più antica scienza. Per lungo tempo Astronomia e Astrologia hanno effettuato un unico percorso.
Infatti, fu durante il secolo dei Lumi, con la riscoperta del pensiero greco che nasce l’esigenza di una netta distinzione tra la ragione e la fede. Quasi sicuramente, fin dal Neolitico, l’uomo aveva sviluppato una sorta di astronomia primaria, andando a comprendere la natura periodica degli equinozi e, probabilmente, il loro rapporto con le stagioni.
Di certo, sapevano anche come riconoscere alcune costellazioni. Indubbiamente, molto della moderna Astronomia è dato allo sviluppo della Matematica come pure dalle fondamentali prime invenzioni per le osservazioni che si sono andate a sviluppare nel tardo Medioevo su modelli di antichi strumenti greci.